//
stai leggendo...
GreenPress Network, Pefc

Giornata della Terra 2015, dal sondaggio PEFC 9 consumatori su 10 vogliono prodotti certificati per proteggere le foreste

In occasione della Giornata della Terra 2015, resi noti i risultati di un’indagine realizzata in Italia per scoprire i livelli di conoscenza rispetto al rapporto tra mercato e difesa delle foreste: la certificazione forestale è considerata un valido strumento per comunicare le scelte di sostenibilità dell’industria del legno e della carta. Ma finora solo un terzo degli italiani conosce gli schemi di certificazione.

Per rafforzare la difesa del patrimonio boschivo mondiale, la certificazione forestale è uno strumento prezioso e sul quale le aziende dovrebbero investire. A sostenerlo è il risultato di un sondaggio che il PEFC internazionale ha commissionato alla società tedesca di ricerche di mercato “GfK”. Obiettivo: capire l’interesse del consumatore riguardo la tutela delle foreste e il livello di conoscenza in Italia del marchio PEFC, lo schema di certificazione per la gestione forestale sostenibile più diffuso al mondo. L’Italia è un Paese strategico per le filiere forestali, perchè è il primo importatore d’Europa (e il quarto al mondo) di legname e di prodotti di origine forestale, mentre ha nell’esportazione dei prodotti trasformati la seconda voce d’attivo del settore manufatturiero italiano.
Il sondaggio, svolto su un campione di 1.000 intervistati sopra i 16 anni equamente distribuiti nel territorio italiano, evidenzia uno scenario con molte luci e qualche ombra: da un lato, i due terzi del campione intervistato considerano l’uso di etichette attestanti considerazioni etiche come il migliore elemento a garanzia del rispetto degli aspetti ambientali e di sviluppo sostenibile. Oltre il 90% auspica che le aziende che utilizzano materie prime legnose provenienti da foreste gestite in modo sostenibile comunichino questa loro scelta attraverso l’uso di un marchio di certificazione forestale. Non c’è differenza significativa di sensibilità tra il Nord e il Sud e tra popolazione maschile e femminile, mentre il campione intervistato dei giovani è molto più attento ai temi ambientali e alle certificazioni rispetto al campione di popolazione adulta.
Un segnale chiaro rivolto al tessuto produttivo italiano della filiera bosco-legno-carta, affinché consideri la certificazione forestale come un investimento per promuovere le scelte virtuose dal punto di vista etico e ambientale.
C’è però un aspetto sul quale si può fare di più. Il livello di conoscenza dei marchi di certificazione forestale è ancora basso: un terzo degli intervistati conosce gli schemi di certificazione e il 19% riconosce il marchio PEFC. Il bacino da coinvolgere è ancora ampio: “aumentare la conoscenza fra i consumatori finali è quindi un aspetto cruciale per rendere la certificazione PEFC sempre più uno strumento che aiuti il consumatore a scegliere acquisti di prodotti a minore impatto ambientale” commenta Antonio Brunori, segretario generale del PEFC Italia. “Rimane molto da fare ma l’interesse e la positiva reputazione che il nostro logo ha tra chi lo conosce sono una spinta a impegnarci in questo sforzo”.
In effetti, tra chi conosce il marchio, il PEFC è un elemento fondamentale per distinguere i prodotti provenienti dalla gestione forestale sostenibile. L’87% degli intervistati lo associa infatti correttamente alla protezione delle foreste naturali, al corretto sfruttamento del patrimonio boschivo e all’approvvigionamento sostenibile.
Il risultato del sondaggio conferma quanto emerso dalla recente consultazione pubblica sui prodotti agroalimentari condotta dal Ministero delle Politiche agricole e forestali, secondo la quale è fondamentale la chiara e leggibile indicazione in etichetta della provenienza delle materie prime.

Annunci

Informazioni su @lamarty_twi

PR Strategist Mi occupo di Pubbliche Relazioni e Comunicazione, come libero professionista, per diverse realtà nazionali ed internazionali. Sono attiva in particolare nel Terzo Settore, con attenzione ai temi dello sviluppo sostenibile e solidarietà sociale. Lavoro in rete con altri professionisti nella GreenPress EnvironMedia. Toglietemi tutto, ma non il passaporto

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Seguimi su Twitter

InstaMarty

I tamburini #PalioDelleBotti #Marsciano #Umbria Old town
#maremma #toscana #traveladdict #travelphotography #travel #travelismylife #donnaconlavaligia #ig_maremma #ig_toscana #igersmaremma

Foto da Flickr

Altre foto
Follow Martina Valentini on WordPress.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: